... ... ...

News

giovedì 14 giugno 2018
Dal Consiglio Comunale del 14 giugno
Approvati la terza variazione di bilancio, diverse modifiche a regolamenti, il piano acustico comunale ed il terzo procedimento di modifica al PUC

Si è riunita ieri l’assemblea del Consiglio comunale brissinese per approvare tra gli altri, la terza variazione di bilancio nonché la modifica di diversi regolamenti, il piano comunale per la classificazione acustica ed il terzo procedimento di modifica al PUC.
La seduta di metà giusta si è aperta con la discussione di diverse interrogazioni presentati dai consiglieri Blaas e Bessone.

Variazioni di bilancio
A seguire il Consiglio comunale ha ratificato all’unanimità la delibera n. 234 del 23 maggio scorso assunta dalla giunta comunale per la realizzazione della scuola di musica. La giunta aveva assunto il provvedimento in via d’urgenza per poter appaltare i lavori entro il mese di maggio integrando la previsione di spesa di bilancio previsionale 2018-2020 e nel programma generale delle opere pubbliche.
Con 19 voti favorevoli e 4 astensioni, l’assemblea ha approvato la terza variazione di bilancio dell’anno corrente. Tra le maggiori entrate si annoverano 450 mila euro derivati dalla distribuzione dei dividendi di ASM Bressanone, 91 mila euro per contributi da parte del Consorzio BIM, nonché 130 mila euro di contributi privati per permessi urbanistici. Tra le maggiori spese per investimenti si contano: 30 mila euro per il restauro della Chiesa di Scezze, 135 mila euro per lavori asfaltatura, manutenzione strade comunali nonché di illuminazione pubblica, e 160 mila euro per la progettazione del centro anziani.

Modifica di diversi regolamenti comunali
Nel corso della seduta il Consiglio ha esaminato diverse modifiche a regolamenti comunali, primo fra tutti il regolamento sull’applicazione della tassa di soggiorno. Nel 2015 e nel 2017 l’amministrazione aveva approvato le relative tariffe applicando alle stesse un aumento nei rispettivi anni pari a +0,3€ e +0,4€ per tutte le categorie di esercizi ricettivi. Nel 2016 e nel 2018 con decreti del Presidente della Provincia sono state apportate alcune modifiche al regolamento di esecuzione sull’applicazione dell’imposta di soggiorno entrate e per effetto del quale si è reso necessario il passaggio in consiglio. Con il nuovo testo unico assieme ai due precedenti aumenti pari a complessivi 0,7€ per tutte le categorie, l’imposta di soggiorno sarà così ripartita: 2,30 € per esercizi ricettivi 4 stelle o superiori; 1,90 € per esercizi ricettivi da 3 stelle a 3 stelle S; 1,55 € per tutti gli altri esercizi ricettivi. La modifica è stata approvata con 18 voti favorevoli e 5 astensioni.
Il Consiglio ha poi esaminato la modifica al regolamento per la gestione dei rifiuti solidi urbani. Negli ultimi anni, con l’introduzione delle isole ecologiche e dei relativi compattatori, la fatturazione è passata dal calcolo al litro a quello in chilogrammi. La modifica al regolamento, approvata all’unanimità, oltre a prevedere questo adeguamento, introduce nuove soglie per quanto riguarda le cosiddette riduzioni individuali. Mentre con il precedente calcolo la soglia delle riduzioni, in particolare per l’uso di pannolini per motivi di salute, era fissata in 1500 litri, ora la soglia è stata portata a 375 kg annui corrispondenti a 3000 litri. Nel corso della seduta inoltre, il Consigliere Bova ha presentato un emendamento sottoscritto da tutti i rappresentanti delle forze politiche che estende il bonus pannolini per famiglie con neonati anche al secondo anno di vita del bambino. L’emendamento è stato approvato all’unanimità.
L’assemblea ha quindi discusso e l’approvato con 22 voti favorevoli ed 1 astensione la modifica della pianta organica comunale e del relativo regolamento di organizzazione. La modifica prevede l’aggiunta e lo stralcio di diversi profili professionali resisi necessari per affrontare in maniera efficiente le esigenze di servizio. Con 23 voti favorevoli ed 1 astensione è stata approvata la modifica della pianta organica che prevede ora l’istituzione di una nuova struttura dirigenziale, il “Servizio Informatica”, al fine di migliorare l’organizzazione interna ed il funzionamento dell’ente.

Urbanistica
Con voto unanime è stata approvata una sdemanializzazione con una controparte privata nel C.C. di Millan. Si tratta di una rettifica di confini per cui il Comune cede complessivi 9 metri quadri e ne ascrive a bene demaniale 6.
Il Consiglio comunale ha discusso e approvato anche il nuovo piano comunale per la classificazione acustica. Lo scorso ottobre la giunta comunale aveva dato il via libera ad una prima proposta di classificazione. A seguito di osservazioni intervenute soprattutto per quanto riguardava la classificazione della parte più a sud zona industriale, la proposta era stata rielaborata e inviata all’Ufficio Aria e Rumore provinciale per il relativo parere. Dopo il via libera degli uffici provinciali, la nuova proposta è stata sottoposta al vaglio del consiglio comunale che, all’unanimità, ha dato il suo via libera definitivo.  
In materia urbanistica la seduta è proseguita con la discussione e l’approvazione del terzo procedimento di modifica al piano urbanistico. La giunta comunale nel maggio 2017 aveva dato il suo via libera e ora, dopo l’esame ed il parere da parte della Commissione provinciale per la Natura, il Paesaggio e lo Sviluppo, il provvedimento è approdato in Consiglio. La misura prevede l’obbligo di inserimento di un piano di attuazione per la zona residenziale “ex Enal”; due ampliamenti di zone residenziali esistenti rispettivamente a Cleran e Costa d’Elvas; due nuove zone per impianti turistici di cui una all’ingresso della frazione di San Andrea e la seconda come ampliamento di un’esistente zona a Plancios; una nuova zona destinata ad area produttiva nel C.C. La Mara per un nuovo insediamento ed ampliamento di una attività esistente; infine è stata approvata una modifica alla zona in Val Croce destinata ora in parte ad impianti di risalita e in parte ad area ristorativa che inoltre è stata ampliata.

Altre delibere
Tra i punti all’ordine del giorno della seduta di ieri è stata discussa anche la razionalizzazione ovvero la cessione delle quote detenute dall’amministrazione nella società Macello Valle Isarco. Lo scorso anno il comune e la Comunità Comprensoriale, che ne detiene la quota maggioritaria pari al 70%, si erano espressi a favore di una razionalizzazione ovvero della cessione dell’attività alla ASM Bressanone Spa con partecipazione esclusiva del Comune, dato l’interesse pubblico dell’attività. Il consiglio ha quindi approvato con 22 voti favorevoli ed 1 astensione la proposta avviando così la procedura per il trasferimento dell’attività in ASM.
Il Consiglio comunale infine, ha discusso e approvato la nascita di un cosiddetto coworking space. Per incentivare progetti innovativi e start-up di imprese in loco, l’amministrazione ha deciso di mettere a bando la gestione di un cooworking space ovvero di un luogo dove più attività possano coesistere condividendo spazi e fare rete attivando sinergie. L’obiettivo è quello di rendere più attrattiva l’offerta lavorativa e di conseguenza aumentare la qualità di vita nella città vescovile. La proposta è stata approvata all’unanimità e demanda alla giunta comunale la stesura del bando per l’erogazione del servizio.

 
Comune di Bressanone | Portici Maggiori, 5 | I-39042 Bressanone | Italia | Tel. +39 0472 062000 | Fax +39 0472 062022 | info@brixen.it | brixen.bressanone@legalmail.it ...