Casa delle Donne Bressanone: resoconto sul lockdown

Un incontro per fare il punto su lockdown e necessità della Casa delle Donne

Si è svolto qualche giorno fa in Municipio l’incontro tra il Sindaco Peter Brunner, l’assessora competente Monika Leitner e la direttrice della Casa delle Donne Barbara Wielander per fare il punto sulla situazione del Centro Antiviolenza comprensoriale. In particolare l’incontro è servito per comprendere le necessità emerse durante la situazione di emergenza. Tra tutte la carenza di alloggi per le donne che decidono di uscire da un rapporto violento. Comune e Comunità comprensoriale stanno inoltre lavorando ad una campagna di sensibilizzazione in programma il prossimo autunno.

Bressanone è sede di una delle tre Case della Donna presenti in Alto Adige offrendo quindi un servizio multi-territoriale.  Qui trovano rifugio donne che si trovano in una situazione di violenza domestica provenienti da tutta la provincia. “A causa della situazione abitativa spesso opprimente e del fatto che molte coppie non comunicano in maniera adeguata, ci si poteva aspettava un aumento delle richieste di aiuto durante il lockdown” ha spiegato Barbara Wielander. Inaspettatamente invece, non è stato così e i dati rivelano che durante il lockdown le richieste non sono aumentate. La spiegazione data da Wielander è che in molti casi le violenze erano pregresse e che la maggior parte delle donne è “abituata” a sopportare situazioni di grande pressione e tensione.  “Ma i numeri sono destinati a salire nel post-emergenza” così la Wielander. E infatti ora i contatti telefonici e le richieste di consulenza presso il Centro Antiviolenza confermano questa tendenza.

La Casa delle Donne di Bressanone accoglie soprattutto casi provenienti dal circondario. Durante il lockdown tutti e otto gli alloggi a disposizione del Centro Antiviolenza erano occupati ed erano state messe a disposizione anche alcune case vacanza al di fuori di Bressanone. Ora queste sistemazioni non possono più essere utilizzate “e questo”, così Wielander, “rappresenta un problema perché gli alloggi sono indispensabili per uscire dalla spirale della violenza”. Sono otto le donne che la Casa delle Donne può ospitare per un massimo di sei mesi offrendo loro un luogo protetto e sicuro immediatamente disponibile da cui ripartire in una vita senza violenza. Dopo però molte di loro si trovano in difficoltà: il mercato immobiliare e del lavoro non le assorbe esponendole a gravi rischi.
Nonostante la Comunità Comprensoriale sia disponibile in caso di necessità, ad accollarsi le spese di affitto, l’offerta di alloggi privati è carente. “Avere una sistemazione tuttavia è fondamentale durante la separazione e rappresenta il primo passo verso una nuova vita” sottolinea Wielander “il Centro Antiviolenza e la Comunità Comprensoriale offrono assistenza e sostegno, ma una maggiore offerta di alloggi privati sarebbe di grande aiuto”.
Il sindaco Peter Brunner e l’assessora Monika Leitner hanno quindi assicurato il loro impegno affinché l’IPES metta a disposizione più alloggi per le donne. “Per loro sapere che possono trovare aiuto e sostegno ottimali significa incoraggiarle a non accettare più situazioni di violenza”, così l’assessora Monika Leitner.

Comunità Comprensoriale e Comune stanno inoltre lavorando, assieme alla Casa delle Donne, ad una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne che si svolgerà il prossimo autunno.

Nella foto: il sindaco Peter Brunner, l’assessora Monika Leitner e la direttrice della Casa delle Donne di Bressanone Barbara Wielander

 

Iscriviti alla newsletter